Josemaría Escrivá Obras
168

C'è una sola malattia mortale, un solo errore funesto: rassegnarsi alla sconfitta, non saper lottare con spirito di figli di Dio. Se manca questo sforzo personale, l'anima si paralizza e giace abbandonata, incapace di dar frutto...

— Con questa codardìa, la creatura costringe il Signore a pronunciare le parole che Egli udì dal paralitico, nella piscina probatica: “Hominem non habeo!” — mi manca l'uomo!

— Che vergogna se Gesù non trovasse in te l'uomo, la donna, che si aspetta!

Indietro Vedere il capitolo Avanti