Josemaría Escrivá Obras
110

Mi hai detto una volta che somigli a una sveglia guasta, che suona a sproposito: al momento dell'orazione sei freddo, secco e arido; e invece, quando meno te l'aspetti, per la strada, tra gli affanni d'ogni giorno, in mezzo al frastuono e al tumulto della città, o nella quiete laboriosa del tuo lavoro professionale, ti accorgi che stai pregando... A sproposito?

Bene; però non trascurare questi trilli della tua sveglia. Lo Spirito soffia dove vuole.

Indietro Vedere il capitolo Avanti