Josemaría Escrivá Obras
961

Sul rovescio di una vocazione «perduta» o di una risposta negativa alle chiamate costanti della grazia, si deve vedere la volontà permissiva di Dio. — Senza dubbio: ma, se siamo sinceri, ci è ben chiaro che questo non costituisce una giustificazione né un’attenuante, perché costatiamo, sul dritto, il personale inadempimento della Volontà divina, che ci ha cercati per Sé, e non ha trovato corrispondenza.

Indietro Vedere il capitolo Avanti