Josemaría Escrivá Obras
328

I difetti che vedi negli altri forse sono i tuoi. «Si oculus tuus fuerit simplex...» — Se il tuo occhio fosse semplice, tutto il tuo corpo sarebbe illuminato; ma se il tuo occhio è malizioso, tutto il tuo corpo sarà ottenebrato.

E più ancora: «Perché osservi la pagliuzza nell’occhio del tuo fratello, e non badi alla trave che è nel tuo?».

— Esàminati.

Indietro Vedere il capitolo Avanti