Josemaría Escrivá Obras
165

Mi dichiarasti, con aria spavalda e incerta: c’è chi sale e c’è chi scende... E c’è chi, come me!, è steso sulla strada.

Mi ha dato tristezza la tua indolenza, e ho aggiunto: i pigri se li tirano a rimorchio quelli che salgono; e, di solito con più forza, quelli che scendono. Pensa quale pauroso fuorviamento ti stai procurando!

L’ha già fatto notare il santo vescovo di Ippona: non avanzare è retrocedere.

Indietro Vedere il capitolo Avanti