Josemaría Escrivá Obras
 
 
 
 
 
 
  Solco > Penitenza > Cap. 32
978

Nostro Signore Gesù lo vuole: bisogna seguirlo da vicino. Non c’è altra strada. Questa è l’opera dello Spirito Santo in ogni anima — nella tua —: sii docile, non mettere ostacoli a Dio finché non abbia fatto della tua povera carne un Crocifisso.


979

Se la parola amore esce molte volte dalla bocca, senza essere sostenuta da piccoli sacrifici, finisce per stancare.


980

Da tutti i punti di vista, la mortificazione è di straordinaria importanza.

— Per ragioni umane, perché chi non sa dominare sé stesso non influirà mai positivamente sugli altri, e l’ambiente circostante lo vincerà non appena blandirà i suoi gusti personali: diverrà un uomo senza nerbo, incapace di un grande sforzo quando sarà necessario.

— Per ragioni divine: non ti sembra giusto che, con questi piccoli atti, dimostriamo il nostro amore e il nostro attaccamento a Colui che ha dato tutto per noi?


981

Lo spirito di mortificazione, più che una manifestazione d’Amore, scaturisce come una delle sue conseguenze. Se cedi in queste piccole prove, riconoscilo, viene meno il tuo amore per l’Amore.


982

Non ti sei accorto che le anime mortificate, per la loro semplicità, persino in questo mondo godono di più delle cose buone?


983

Senza mortificazione non c’è felicità sulla terra.


984

Quando ti deciderai a essere mortificato, migliorerà la tua vita interiore e sarai molto più fecondo.


985

Non dobbiamo dimenticarlo: in tutte le attività umane, ci devono essere uomini e donne con la Croce di Cristo nelle loro vite e nelle loro opere, innalzata, visibile, riparatrice; simbolo della pace, della gioia; simbolo della Redenzione, dell’unità del genere umano, dell’amore che Dio Padre, Dio Figlio e Dio Spirito Santo, la Trinità Beatissima, ha avuto e continua ad avere per l’umanità.


986

«Non si metterà a ridere, Padre, se le dico che — qualche giorno fa — mi sono sorpreso a offrire spontaneamente al Signore il sacrificio del tempo che dovevo impiegare per aggiustare, a uno dei miei piccoli, un giocattolo rotto?».

— Non rido affatto, mi rallegro! Perché, con lo stesso Amore, Dio si impegna ad aggiustare i nostri difetti.


987

Sii mortificato, ma non trasandato o amareggiato. — Sii raccolto, ma non rattrappito.


988

Un giorno senza mortificazione è un giorno perduto, perché non abbiamo rinnegato noi stessi, non abbiamo vissuto l’olocausto.


989

Non hai contrariato, qualche volta, in qualcosa, i tuoi gusti, i tuoi capricci? — Bada che Chi te lo chiede è inchiodato su una Croce — a soffrire in tutti i suoi sensi e le sue facoltà —, e una corona di spine copre il suo capo... per te.


990

Ti presenti come un formidabile teorico... — Però non cedi nemmeno in minuzie insignificanti! — Non credo in questo tuo spirito di mortificazione!


991

Curare le piccole cose comporta una mortificazione costante, cammino per rendere più gradevole la vita agli altri.


992

Preferisco le virtù alle austerità, dice con altre parole Jahvè al popolo eletto, che s’inganna con certi formalismi esteriori.

— Per questo dobbiamo coltivare la penitenza e la mortificazione come vere manifestazioni di amore verso Dio e verso il prossimo.


993

Nella meditazione, la Passione di Cristo esce dalla cornice fredda della storia o della considerazione devozionale, per presentarsi dinanzi agli occhi, terribile, opprimente, crudele, sanguinosa..., piena d’Amore.

— E si avverte che il peccato non si riduce a un piccolo «errore di ortografia»: è crocifiggere, lacerare a martellate le mani e i piedi del Figlio di Dio, e fargli scoppiare il cuore.


994

Se davvero vuoi essere anima penitente — penitente e allegra —, devi difendere, al di sopra di tutto, i tuoi tempi quotidiani di orazione — di orazione intima, generosa, prolungata —, e devi fare in modo che questi tempi non siano a scappa e fuggi, ma a ora fissa, se possibile. Non cedere in questi particolari.

Sii schiavo di questo culto quotidiano a Dio, e ti assicuro che ti sentirai sempre contento.


995

Il cristiano trionfa sempre dalla Croce, dalla sua personale rinuncia, perché lascia agire l’Onnipotenza divina.


996

Quando ricordi la tua vita passata, passata senza biasimo e senza lode, considera quanto tempo hai perso e come puoi recuperarlo: con la penitenza e con maggiore donazione.


997

Nel pensare a tutto ciò che della tua vita resterà senza valore, per non averlo offerto a Dio, dovresti sentirti avaro: ansioso di rastrellare tutto, anche di non lasciare inutilizzato alcun dolore. — Perché, se il dolore accompagna la creatura, sperperarlo che altro è se non stoltezza?


998

Hai spirito di opposizione, di contraddizione?... Bene: esercitalo per opporti a te stesso, per contraddire te stesso!


999

Mentre la Sacra Famiglia riposa, appare l’Angelo a Giuseppe, perché fuggano in Egitto. Maria e Giuseppe prendono il Bambino e si mettono in cammino senza indugi. Non si ribellano, non cercano scuse, non attendono che finisca la notte...: di’ a nostra Madre santa Maria, e a san Giuseppe, nostro Padre e Signore, che desideriamo amare con prontezza ogni penitenza passiva.


1000

Scrivo questo numero perché tu e io terminiamo questo libro con un sorriso, con buona pace di quei benedetti lettori che, per ingenuità o per malizia, hanno cercato la cabala nei 999 punti di Cammino.


[Stampa]
 
[Invia]
 
[Palm]
 
[Salva]
 
Traduci il punto in:
Indietro