Josemaría Escrivá Obras
 
 
 
 
 
 
  Il Santo Rosario > Terzo mistero gaudioso: La nascita di Gesù > Punto 3
3

E' stato promulgato un editto di Cesare Augusto, che ordina il censimento di tutto l'impero. Perciò ognuno deve andare al paese d'origine della sua stirpe. — Giuseppe, che è della casa e della famiglia di David, va con la Vergine Maria da Nazaret alla città chiamata Betlemme, nella Giudea (Lc 2, 1-5).

E a Betlemme nasce il nostro Dio: Gesù Cristo! — Non c'è posto nella locanda: nasce in una stalla. — E sua Madre lo avvolge in fasce e lo adagia nella mangiatoia (Lc 2, 7).

Freddo. Povertà. — Io mi metto al servizio di Giuseppe. Com'è buono Giuseppe! Mi tratta come un figlio. E mi perdona se prendo in braccio il Bambino e rimango per ore a dirgli cose dolci e ardenti!

E lo bacio — bacialo anche tu — e lo cullo, e canto per lui, e lo chiamo Re, Amore, mio Dio, mio Unico, mio Tutto!... Com'è bello il Bambino… e com'è corta la decina!

[Stampa]
 
[Invia]
 
[Palm]
 
[Salva]
 
Traduci il punto in:
Indietro Avanti