Josemaría Escrivá Obras
 
 
 
 
 
 
  ╚áGes¨ che passa > Il matrimonio, vocazione cristiana > Punto 23
23

Il matrimonio cristiano non Ŕ una semplice istituzione sociale, nÚ tanto meno un rimedio alle debolezze umane: Ŕ un'autentica vocazione soprannaturale. Sacramento grande in Cristo nella Chiesa, dice san Paolo (cfr Ef 5, 32)áe, al tempo stesso, contratto che un uomo e una donna stipulano per sempre, perchÚ — lo si voglia o no — il matrimonio istituito da Cristo Ŕ indissolubile: segno sacro che santifica, azione di Ges¨ che pervade l'anima di coloro che si sposano e li invita a seguirlo, perchÚ in Lui tutta la vita matrimoniale si trasforma in un cammino divino sulla terra.

Gli sposi sono chiamati a santificare il loro matrimonio e a santificare se stessi in questa unione. Commetterebbero perci˛ un grave errore se edificassero la propria condotta spirituale volgendo le spalle alla famiglia o al margine di essa. La vita famigliare, i rapporti coniugali, la cura e l'educazione dei figli, lo sforzo economico per sostenere la famiglia, darle sicurezza e migliorarne le condizioni, i rapporti con gli altri componenti della comunitÓ sociale: sono queste le situazioni umane pi¨ comuni che gli sposi cristiani devono soprannaturalizzare.

La fede e la speranza si devono manifestare nella serenitÓ con cui si affrontano i problemi piccoli o grandi che sorgono in ogni famiglia e nello slancio con cui si persevera nel compimento del proprio dovere. In tal modo, ogni cosa sarÓ permeata di caritÓ: una caritÓ che porterÓ a condividere le gioie e le eventuali amarezze; a saper sorridere dimentichi delle proprie preoccupazioni per prendersi cura degli altri; ad ascoltare il proprio coniuge e i figli, dimostrando loro che li si ama e li si comprende davvero; a superare i piccoli attriti che l'egoismo tende a ingigantire; a svolgere con un amore sempre nuovo i piccoli servizi di cui Ŕ intessuta la convivenza quotidiana.

Si tratta di santificare giorno per giorno la vita domestica, creando con l'affetto reciproco un autentico ambiente di famiglia. Per santificare ogni giornata si devono esercitare molte virt¨ cristiane, quelle teologali in primo luogo, poi tutte le altre: la prudenza, la lealtÓ, la sinceritÓ, l'umiltÓ, la laboriositÓ, la gioia...

Parlando del matrimonio e della vita coniugale, Ŕ necessario cominciare con un riferimento chiaro all'amore umano.

[Stampa]
 
[Invia]
 
[Palm]
 
[Salva]
 
Traduci il punto in:
Indietro Vedere il capitolo Avanti