Josemaría Escrivá Obras
 
 
 
 
 
 
  Forgia > Lottare ancora > Punto 381
381

Continua a riflettere sulle qualità dell'asinello, e osserva che l'asino, per combinare qualcosa di utile, deve lasciarsi dominare dalla volontà di chi lo conduce...: da solo, non farebbe altro che... asinerie. Di certo non gli passa per la testa niente di meglio che rotolarsi per terra, correre alla mangiatoia... e ragliare.

Ah, Gesù! — diglielo anche tu —: “Ut iumentum factus sum apud te!” — hai fatto di me il tuo somarello; non mi lasciare, “et ego semper tecum!” — e starò sempre con Te. Conducimi fortemente legato con la tua grazia: “Tenuisti manum dexteram meam...” — mi hai preso per la cavezza; “et in voluntate tua deduxisti me...” — e fammi compiere la tua Volontà. E così ti amerò per i secoli infiniti! — “et cum gloria suscepisti me!”.

[Stampa]
 
[Invia]
 
[Palm]
 
[Salva]
 
Traduci il punto in:
Indietro Vedere il capitolo Avanti