Josemaría Escrivá Obras
 
 
 
 
 
 
  La Chiesa nostra Madre > Il fine soprannaturale della Chiesa > Punto 1
1

Vorrei ricordarvi, per cominciare, queste parole di san Cipriano: La Chiesa universale ci appare come un popolo che fonda la sua unità nell'unità del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo (SAN CIPRIANO, De oratione dominica, 23 [PL 4, 553]). Non vi dovete meravigliare, pertanto, se nella ricorrenza della Santissima Trinità l'argomento dell'omelia possa essere la Chiesa; perché la Chiesa è radicata nel mistero fondamentale della nostra fede cattolica: il Dio uno nell'essenza e trino nelle persone.

La Chiesa incentrata sulla Trinità: i Padri l'hanno sempre vista così. Sentite come sono chiare le parole di sant'Agostino: Dio abita nel suo tempio; non soltanto lo Spirito Santo, ma anche il Padre e il Figlio... Orbene, la santa Chiesa è il tempio di Dio, e cioè di tutta la Trinità (SANT'AGOSTINO, Enchiridion, 56, 15 [PL 40, 259]).

Quando domenica prossima ci riuniremo di nuovo, ci soffermeremo su un altro aspetto meraviglioso della santa Chiesa: cioè in quelle note che reciteremo fra poco nel Credo, dopo aver proclamato la nostra fede nel Padre, nel Figlio e nello Spirito Santo. Et in Spiritum Sanctum, diremo. E subito dopo, et unam, sanctam, catholicam et apostolicam Ecclesiam (Credo della santa Messa); confesseremo che c'è Una sola Chiesa, Santa, Cattolica e Apostolica.

Tutti quelli che hanno saputo veramente amare la Chiesa hanno sempre messo in rapporto quelle quattro note con il mistero più ineffabile della nostra santa religione: la Trinità Beatissima. Noi crediamo nella Chiesa di Dio, Una, Santa, Cattolica e Apostolica, nella quale ci è data la dottrina; conosciamo il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo e siamo battezzati nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo (SAN GIOVANNI DAMASCENO, Adversum Icon., 12 [PG 96, 1358 D]).

[Stampa]
 
[Invia]
 
[Palm]
 
[Salva]
 
Traduci il punto in:
  Vedere il capitolo Avanti