Josemaría Escrivá Obras
 
 
 
 
 
 
  Cammino > Propositi > Cap. 9
247

Concreta. —Non siano i tuoi propositi come quei fuochi di bengala che brillano un istante per lasciare poi, come realtà amara, un tizzone nero e inutile che si getta via con disprezzo.


248

Sei così giovane! —Mi sembri una nave che incomincia a navigare. —Quella che per ora è una leggera deviazione, se non la correggi, ti impedirà di arrivare in porto.


249

Fa' pochi propositi. —Fa' propositi concreti. E còmpili con l'aiuto di Dio.


250

Mi hai detto, e ti ho ascoltato in silenzio: “Sì, voglio essere santo”. Anche se questa affermazione, così vaga, così generica, di solito mi sembra una sciocchezza.


251

Domani! Qualche volta è prudenza; molte volte è l'avverbio dei vinti.


252

Fa' questo proposito determinato e fermo: ricordati, quando ti lodino e ti onorino, di ciò che ti dà vergogna e rossore.

Questo è tuo; la lode e la gloria, di Dio.


253

Comportati bene “adesso”, senza ricordarti di “ieri” che è già passato, e senza preoccuparti di “domani”, che non sai se per te arriverà.


254

Adesso! Ritorna alla tua nobile vita adesso. —Non lasciarti ingannare: “adesso” non è troppo presto... né troppo tardi.


255

Vuoi che ti dica tutto ciò che penso del “tuo cammino”? —Ebbene, guarda: se corrispondi alla chiamata, lavorerai per Cristo quant'altri mai: se diventi uomo d'orazione, saprai corrispondere come prima ti dicevo, e cercherai, con sete di sacrificio, i lavori più duri...

E sarai felice quaggiù e felicissimo poi, nella Vita.


256

Quella piaga fa male. —Però è in via di guarigione: sii conseguente nei tuoi propositi. E presto il dolore sarà gioiosa pace.


257

Stai lì come un sacco di sabbia. —Da parte tua, non fai nulla. E così non è strano che cominci a sentire i sintomi della tiepidezza. —Reagisci.


[Stampa]
 
[Invia]
 
[Palm]
 
[Salva]
 
Traduci il punto in:
Indietro Avanti