Josemaría Escrivá Obras
 
 
 
 
 
 
  Amici di Dio > La libertÓ, dono di Dio > Punto 31
31

Ma, mi direte, quando abbiamo raggiunto ci˛ che amiamo con tutta l'anima, smettiamo di cercare. La libertÓ, in tal caso, Ŕ scomparsa? Vi assicuro che proprio allora la libertÓ Ŕ pi¨ operativa che mai, perchÚ l'amore non si accontenta di adempimenti abitudinari, e non Ŕ compatibile con il tedio o l'apatia. Amare significa ricominciare ogni giorno a servire, con segni operativi di affetto.

Insisto, vorrei inciderlo a fuoco in tutti: la libertÓ e il dono di sÚ non sono contraddittori; si sostengono a vicenda. La libertÓ si pu˛ cedere soltanto per amore; non riesco a concepire altro genere di concessione. Non Ŕ un gioco di parole, pi¨ o meno felice. Nel dono di sÚ volontario, in ogni istante della dedicazione, la libertÓ rinnova l'amore, e rinnovarsi significa essere sempre giovane, generoso, capace di grandi ideali e di grandi sacrifici. Ricordo la gioia che provai quando venni a sapere che in portoghese i giovani sono chiamati os novos. Sono nuovi davvero. E io, che ho compiuto molti anni, posso dirvi che, nel rivolgermi ai piedi dell'altare al Dio che allieta la mia giovinezza (Sal 42, 4), mi sento molto giovane, e so che non mi riterr˛ mai vecchio; perchÚ, se resto fedele al mio Dio, l'Amore mi vivificherÓ continuamente; la mia giovinezza si rinnoverÓ, come quella dell'aquila (cfr Sal 102, 5).

Per amore alla libertÓ, ci leghiamo. Soltanto la superbia pu˛ credere che quei legami siano pesanti come catene. La vera umiltÓ, insegnataci da Colui che Ŕ mite e umile di cuore, ci assicura che il suo giogo Ŕ soave e il suo peso leggero (cfr Mt 11, 29-30): il giogo Ŕ la libertÓ, il giogo Ŕ l'amore, il giogo Ŕ l'unitÓ, il giogo Ŕ la Vita che Egli ci ha acquistato sulla Croce.

[Stampa]
 
[Invia]
 
[Palm]
 
[Salva]
 
Traduci il punto in:
Indietro Vedere il capitolo Avanti